fbpx

Il Coronavirus è un problema europeo

Dopo i tentennamenti iniziali, l’Europa ha finalmente compreso la necessità di un intervento massiccio per sostenere con tutti gli strumenti economici e finanziari possibili la lotta al Coronavirus.

È ormai chiaro a tutti che il Coronavirus è un problema europeo, che riguarda da vicino anche chi, con molta superficialità ed altrettanta arroganza, pensava che la questione fosse solo italiana e che allora gli italiani avrebbero dovuto cavarsela da soli.

Ci sarà tempo e modo per affrontare questi aspetti, ma quel momento non è adesso. Adesso è il tempo della responsabilità.

Mi rivolgo a tutti, invitandovi ad attenervi alle misure adottate dal Governo rispettando tutte le indicazioni necessarie al contenimento della pandemia.

Dobbiamo combattere insieme, restare uniti e non perdere la speranza. Noi qui a Bruxelles siamo ancora al lavoro.

Abbiamo accolto con favore l’istituzione del fondo da 25 miliardi per sostenere i sistemi sanitari dei vari Stati, così come l’annuncio della flessibilità sulle regole del patto di stabilità, che ha permesso al Governo italiano di avere una disponibilità immediata fino a100 miliardi.

Ma non basta. Ecco perché con tutti i colleghi della delegazione del Partito Democratico abbiamo chiesto alla Commissione misure ancora più efficaci, che siano pensate per i più deboli, per le famiglie, gli anziani, i lavoratori dipendenti, gli autonomi, le partite iva.

L’Europa adesso ha un dovere nei confronti dei suoi cittadini: dimostrare di essere pronta a dare risposte nel momento del bisogno.

Non perdiamo la speranza.
Restate a casa.
Andrà tutto bene!

 

leave a comment

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?