fbpx

  • Home
  • Next Generation EU, la ripresa green e sociale del settore trasporti

Next Generation EU, la ripresa green e sociale del settore trasporti

Il piano Next Generation EU, illustra quali e quanti sforzi debbano essere compiuti per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Sicuramente, per permettere che ciò avvenga, è necessario lavorare in primis sul settore trasporti, prendendo in considerazione gli effetti causati dalla crisi Covid-19 e istituendo misure ad hoc per tutte le tipologie di imprese. Insieme ai miei colleghi del gruppo S&D, mi sono impegnato per far si che la Commissione ascoltasse le nostre richieste, come quella di incoraggiare gli Stati Membri a sviluppare dei piani di transizione specifici per il settore, veicolando l’attenzione su strade, settore marittimo, aviazione e infrastrutture ferroviarie.

Non si può pensare ad un futuro green, senza investire nello sviluppo di stazioni di ricarica per veicoli elettrici su strade e autostrade. Non si può trascurare che il trasporto marittimo sia tra i più inquinanti e che dunque sia necessario incoraggiare le spedizioni a emissioni zero, promuovendo la cooperazione tra partner pubblici e privati. Non si può rischiare di sprecare l’opportunità unica di trasformare il settore aviario, continuando ad inondare il mercato di contante non regolamentato.

Ci siamo inoltre battuti nell’incoraggiare lo sviluppo di una linea di trasporto trans-europea altamente performante e sostenibile, di pari passo con lo sviluppo energetico e dei servizi digitali. La realizzazione di questi progetti renderà concreto il rafforzamento tra coesione territoriale e socio-economica in Europa.

Importante è inoltre considerare l’impatto che la crisi pandemica ha avuto sulla nostra società: basti pensare alle migliaia di dipendenti nel settore trasporti che sono stati in prima linea durante la crisi, mettendo a rischio la loro salute e quella dei loro cari. Dobbiamo agire concretamente, tutelandone per quanto possibile gli interessi e le necessità. Un’attenzione in particolare va rivolta poi alle periferie e alle zone prive di infrastrutture valide, che garantiscano collegamenti efficienti e a basso consumo energetico: è dunque urgente elaborare piani di investimenti per raggiungere gli stessi livelli di sviluppo in tutti i territori, in un settore rivelatosi nevralgico durante lo shock economico e sociale scatenato dalla crisi pandemica.

 

leave a comment

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?